Film commissions

#ITALY FOR MOVIES

Location e itinerari del cinema e della fiction italiani sia della tradizione che nuove produzioni in condivisione tutti i giovedì sui profili social della DG Turismo

Italy for Movies, portale nazionale delle location e degli incentivi alla produzione realizzato da Istituto Luce-Cinecittà - in collaborazione con l’associazione Italian Film Commissions e il coordinamento delle Direzioni Generali Cinema e Turismo del MiBACT – è un punto di riferimento del settore cinematografico e del cineturismo, dedicato sia agli operatori del settore cui fornisce un quadro completo e costantemente aggiornato degli incentivi a sostegno di chi gira in Italia, ma anche agli appassionati di cinema, a chi ama viaggiare tra i luoghi dei film, o semplicemente a coloro che, incuriositi, vogliono sapere dove è stata girata la fiction guardata in tv o il film visto in sala. Da qualche settimana Italy for Movies è presente anche sui social media: Facebook, Instagram e Linkedin.

Il progetto – nato nel gennaio 2017 grazie al protocollo di intesa sottoscritto dalle Direzioni Generali Cinema e Turismo - rientra tra le indicazioni espressamente previste dal Piano Attuativo del Piano Strategico del Turismo 2017-2022 e tra le linee di intervento previste nel PST, orientato su interventi strategici per armonizzare e mettere a sistema il patrimonio esistente avviando, al contempo, iniziative sperimentali e di forte innovatività sia dal punto di vista dell’offerta che in riferimento a mercati target e relativi canali di promozione e commercializzazione.

Dalla stessa, proficua, collaborazione tra le Direzioni Generali di Cinema e Turismo, nasce la campagna social #ItalyforMovies: tutti i giovedì dal 14 giugno, sui canali social media della DG Turismo, di Italy for Movies e di Istituto Luce Cinecittà saranno condivisi luoghi e itinerari cine-turistici. Proseguendo così il viaggio virtuale attraverso il Belpaese dopo il venerdì dedicato ai Cammini, alla scoperta di paesaggi e location raccontati da film, fiction e videogames a cui sarà dedicata parte della nostra rubrica. Primo itinerario a casa di Montalbano, alla scoperta delle location siciliane raccontate dal commissario più famoso d’Italia.

Pubblicato il bando contributi selettivi

Pubblicato il bando contributi selettivi – scrittura sceneggiature, sviluppo e pre-produzione, produzione, distribuzione nazionale 2018 del 15/06/2018

Il bando selettivi finanzierà, per 30,9 milioni di € (divisi in tre sessioni di valutazione), progetti di:

  • scrittura di sceneggiature (0,96 M€);
  • sviluppo e pre-produzione (2,56 M€);
  • produzione (24,5 M€);
  • distribuzione cinematografica nazionale (2,88 M€).

Nella seconda e terza sessione di valutazione potrebbero essere già effettivi alcuni dei miglioramenti nel frattempo individuati.

Per la I sessione, le domande possono essere presentate da lunedì 18 giugno fino al 9 luglio.

I nuovi bandi selettivi e promozione 2018 mettono a disposizione del settore risorse per 38,5 milioni di euro, in aumento rispetto alle risorse disponibili per l’anno 2017 (36,6 milioni di euro). In particolare aumentano le dotazioni per la produzione di opere cinematografiche e audiovisive (+0,9 M€), per le iniziative di sviluppo della cultura audiovisiva e di internazionalizzazione (+0,6 M€) e per i festival, le rassegne e i premi cinematografici e audiovisivi (+0,45 M€).

Al link il bando:

bando-selettivi_2018

Fondo sviluppo coproduzioni Italia – Francia

I vincitori del bando per il Fondo di co-sviluppo con la Francia, prima scadenza 2018. La Commissione ha esaminato 27 progetti: 20 maggioritari italiani, 6 maggioritari francesi e 1 paritario. È stato deliberato un contributo a favore di 7 progetti: 3 progetti d’iniziativa italiana e 4 progetti d’iniziativa francese.

http://www.cinema.beniculturali.it/Notizie/4764/68/fondo-sviluppo-coproduzioni-italia-francia-prima-scadenza-2018-i-vincitori/

Contributi a festival, rassegne e premi

Al link di seguito la graduatoria completa delle richieste di contributo per Festival, Rassegne e Premi di rilevanza nazionale ed internazionale per l’anno 2017, D.D 5 giugno 2018

http://www.cinema.beniculturali.it/Notizie/4760/66/contributi-a-festival-rassegne-e-premi-la-graduatoria-completa/

 

 

Biografilm Festival: 14 edizione

Biografilm Festival | International Celebration of Lives è un festival cinematografico che indaga le nuove tendenze del documentario e della fiction internazionali. A partire dalle opportunità narrative e produttive aperte dalla rivoluzione digitale, Biografilm festival propone una chiave di lettura della contemporaneità per rispondere alla grande questione: “Life, the Universe and Everything”.

Biografilm è nato con l’idea che il racconto di vita sia un catalizzatore che attiva domande e risposte sulle questioni cruciali della contemporaneità, un’occasione di riflessione e di incontro su temi complessi di attualità.

La struttura e i contenuti del festival sono in continua evoluzione, nella costante ricerca di nuovi talenti e tematiche da scoprire e approfondire.

Biografilm si propone così di diffondere opere cinematografiche di pregio, di promuovere lo scambio tra generazioni e culture diverse, di formare spettatori curiosi e consapevoli, di valorizzare i nuovi talenti, di organizzare attività di formazione e networking tra professionisti.

CINEMA

Dalla selezione delle più interessanti produzioni internazionali nasce il programma cinematografico di Biografilm, che ogni anno propone al suo pubblico oltre cento lungometraggi tra documentari e film di finzione, la maggior parte dei quali in anteprima nazionale o mondiale.

Il programma si articola in diversi percorsi, omaggi e retrospettive dedicate a personaggi indimenticabili che hanno contribuito a cambiare la nostra visione del mondo.

Le principali sezioni, competitive e non, sono:  Concorso Internazionale (una giuria internazionale assegna il Best Film Award – miglior film – e il Life Tales Award – per il più travolgente racconto biografico); Concorso Italia (una giuria dedicata assegna il Biografilm Italia Award); Biografilm Europa (una selezione dedicata a significativi film di finzione europei); Contemporary Lives (una selezione di documentari che indaga grandi temi d’attualità a livello internazionale); Biografilm Music (una selezione di titoli in anteprima dedicati a personalità della musica); Biografilm Art (una selezione di titoli in anteprima dedicati al mondo dell’arte); Best of Fest (il meglio dei film premiati ai maggiori festival di documentari del mondo); Storie Italiane (una selezione di documentari dedicati a personaggi e storie che hanno influenzato significativamente il panorama culturale italiano).

 

BIO TO B | DOC & BIOPIC BUSINESS MEETING

Bio To B | Doc & Biopic Business Meeting è l’appuntamento che Biografilm Festival – International Celebration of Lives dedica al networking business to business tra professionisti, con l’obiettivo di promuovere e supportare le produzioni italiane ed europee di documentari biografici e biopic. Il programma della durata di tre giorni, si articola tra sessioni di pitching di progetti con assegnazione di premi finali, incontri one to one, panel di approfondimento e tavole rotonde.

BIOGRAFILM PARK

Il Biografilm Park (Bio Parco) è la rassegna di eventi fuori sala di Biografilm Festival che anima ogni anno il Parco del Cavaticcio a Bologna, proponendo quotidianamente concerti, dj set, attività per bambini, spettacoli e incontri all’aria aperta. La rassegna musicale, vero cuore del Biografilm Park, offre nel mese di giugno quasi tre settimane di concerti, che raccolgono il meglio delle band indipendenti italiane e internazionali.

Ma Biografilm Park è anche street food: il Parco del Cavaticcio infatti ospita il Biografilm Food District, dove è possibile assaporare un’ampia selezione di proposte culinarie, tra piatti tipici del territorio e specialità di cucina internazionale. Nel Food District, il cibo diventa uno strumento per la diffusione di quei valori che Biografilm promuove sin dalla sua nascita: cultura, convivialità, tradizione e innovazione, qualità e rispetto per l’ambiente.

BIOGRAFILM SCHOOL

Biografilm School è l’innovativo progetto di formazione promosso da Biografilm Festival e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna rivolto a giovani dai 18 ai 25 anni nati e/o residenti a Bologna e Ravenna (e provincia) o iscritti in corso all’Università di Bologna o Ravenna o all’Accademia di Belle Arti di Bologna. La proposta formativa è legata alle attività e agli ospiti di Biografilm Festival, e si articola in momenti esclusivi di approfondimento teorico e pratico dei mestieri del cinema.

BIOGRAFILM FOOD ACADEMY

Individuando nella cultura gastronomica locale e nazionale un grande punto di forza, Biografilm mette a disposizione degli ospiti e del pubblico ogni anno una vasta scelta di prodotti eno-gastronomici eccellenti.

La Biografilm Food Academy è lo spazio che Biografilm dedica alla cultura del cibo, che da un lato offre agli ospiti internazionali di Biografilm l’esperienza di assaporare il gusto della tradizione locale, e dall’altro lato offre al pubblico dei momenti dedicati all’approfondimento dell’innovazione eno-gastronomica attraverso l’incontro con gli chef più rinomati.

SALA BIOGRAFILM

Sala Biografilm nasce dalla consolidata esperienza di Biografilm Festival | International Celebration of Lives con l’obiettivo di prolungare tutto l’anno le emozioni del festival, grazie a un appuntamento settimanale che offre in anteprima nelle sue tre sale di Milano, Bologna e Roma, i film più attesi della stagione in lingua originale.

La necessità di dare un pubblico e un mercato alle opere presentate al Biografilm anche oltre le giornate del festival è sempre stata tenuta in massima considerazione.

In questa direzione va il lancio nel 2012 del progetto Unipol Biografilm Collection, una realtà distributiva che lavora tutto l’anno per portare le migliori opere internazionali e nazionali nei cinema italiani,
sui principali network televisivi e su tutti i supporti e le piattaforme digitali.

Info su: www.biografilm.it

È online il nuovo Apulia Film Fund

È on-line sul sito della Regione Puglia e nella sezione dedicata del sito della Fondazione Apulia Film Commission, il nuovo Film Fund previsto per il triennio 2018-2020, a valere sul Programma operativo regionale Puglia 2014-2020. Per la prima volta il fondo regionale registra una dotazione di 10 milioni di euro, un impegno raddoppiato rispetto alla dotazione finanziaria precedente. Un robusto apporto di risorse economiche, quindi, verso un settore sempre più strategico per la Regione Puglia a sostegno dell’industria cinematografica e audiovisiva pugliese, capace ormai di attirare sempre più produzioni nazionali e, soprattutto, internazionali.

Particolarmente entusiasta il direttore di Apulia Film Commission, Antonio Parente, che commenta: “Apulia Film Fund è per qualità delle misure individuate nel perimetro delle regole dei fondi europei, quantità di risorse disponibili, 10 milioni, e per l’abbattimento dei tempi burocratici, una misura veramente senza precedenti nel nostro sistema di film financing”.

Nel nuovo Apulia Film Fund, che avrà una dotazione di 10 milioni di euro per il triennio 2018/2020, sono ammessi al fondo tutti i progetti di opere audiovisive di fiction, documentari, short, animazione e format, con una soglia minima di lavorazione in Puglia di 6 giornate (ad eccezione delle categorie format e short, pari a 2 giornate), che abbiano una copertura finanziaria di almeno il 60% del budget (ovvero 40% per la categoria doc e 20% per short).

Per tutte le tipologie è previsto un cash rebate pari al 75% delle spese in favore dei lavoratori iscritti alla Production Guide di Apulia Film Commission, anche durante la lavorazione fuori dalla Puglia.

Sarà rimborsata anche parte della spesa di fornitori con residenza fiscale in Puglia: nella misura del 70% nel caso di short, 50% doc e animazione, 30% per fiction e format. Premiate, infine, le coproduzioni internazionali con l’assegnazione di 5 punti, su un totale di 60 necessari per accedere ai finanziamenti. Il contributo massimo previsto è di 1 milione di euro per la categoria fiction, 250 mila per animazione, 100 mila per doc e format, 40 mila per short.

L’attività di ammissibilità è svolta dagli uffici della Regione Puglia – Sezione Economia della Cultura, mentre l’attività di valutazione delle domande è svolta a cadenza bimestrale da una Commissione Tecnica di Valutazione.

Info su www.apuliafilmcommission.it/fondi/apulia-film-fund

Avviso pubblicazione decreti crediti d’imposta nel settore cinematografico e audiovisivo

Nella Gazzetta Ufficiale del 25 maggio 2018, n. 120, supplemento ordinario n. 24, sono stati pubblicati i decreti in oggetto.Pertanto, alla luce di tali abrogazioni, a partire dal giorno 25 maggio 2018 non è più possibile procedere alla presentazione delle comunicazioni iniziali / istanze preventive, incluse le nuove richieste di riconoscimento provvisorio della nazionalità italiana delle opere televisive e web.

Le nuove domande di credito d’imposta e le integrazioni di richieste già presentate disciplinate dai D.M. in oggetto potranno essere presentate esclusivamente attraverso la sezione GESTIONE DOMANDE / CREA NUOVA DOMANDA che sarà predisposta all’interno della piattaforma DGCOL entro 30 giorni dalla pubblicazione dei D.M. citati.

Per le specifiche si rimanda al documento allegato:

pubblicazione decreti crediti imposta imprese produzione cinematografica audiovisiva

 

EAVE PUENTES ITALIA – Trieste – 10/12 luglio 2018

EAVE PUENTES ITALIA – Europe / Latin America co-production workshop

Trieste – 10/12 luglio 2018

CALL PER PRODUTTORI ITALIANI : Deadline: 5 giugno 2018

In occasione della recente adesione dell’Italia al programma IBERMEDIA, EAVE Puentes, il principale workshop di co-produzione tra Europa e America Latina, annuncia una nuova collaborazione con MiBACT, Italian Film Commissions e Fondo per l’Audiovisivo del Friuli Venezia Giulia. All’interno della prima sessione europea del workshop, in programma a Trieste il prossimo luglio, EAVE organizzerà per la prima volta PUENTES ITALIA, un programma speciale dedicato a produttori italiani interessati ad approfondire le opportunità di collaborazione con l’America Latina.

Programma:

PUENTES ITALIA si terrà dal 10 al 12 luglio a Trieste e offrirà a tutti i partecipanti la possibilità di:

-        prendere parte alle diverse sessioni plenarie dedicate alle opportunità di co-produzione con l’America Latina, ai finanziamenti privati e alle strategie di marketing e festival;

-        organizzare incontri individuali con i tutor di EAVE Puentes;

-        accedere a un unico network di professionisti provenienti da Europa e America Latina.

Il workshop inizierà martedì 10 luglio nel primo pomeriggio e terminerà giovedì 12 nel pomeriggio.

Target group:

-        produttori italiani che abbiano già prodotto un lungometraggio e che stiano sviluppando un nuovo progetto con un potenziale di co-produzione internazionale, preferibilmente con l’America Latina.

Iscrizione:

-        lettera di motivazione riguardo alla partecipazione al workshop

-        profilo società e profilo personale del produttore

-        sinossi di 1 pagina del progetto in sviluppo (in italiano e in inglese)

-        nota di intenti del produttore e del regista

-        piano finanziario e budget di produzione

Costi di partecipazione:

La partecipazione a PUENTES ITALIA è gratuita e ad ogni produttore selezionato verranno offerte 2 notti di ospitalità.

Deadline per l’iscrizione:

Tutti i documenti devono essere inviati via mail entro il 5 giugno 2018 a info@audiovisivofvg.it

La selezione finale verrà annunciata entro il 15 giugno 2018.

Scarica QUI la call

Per ulteriori info su programma e modalità di iscrizione contattare: info@audiovisivofvg.it

Rapporto Cinema 2018: Audiovisivo italiano tra vecchi problemi e nuovi scenari

Il cinema italiano sta bene, guarda ai mercati asiatici e in particolare alla Cina, ed è ad un punto di svolta a livello internazionale, sia per il mercato della sala, con la ridefinizione della geografia degli incassi da parte asiatica, che da quello tecnologico, con la distribuzione digitale on demand. Ad andare nelle sale cinematografiche sono sempre di più gli over 60, mentre i giovani stigmatizzano l’alto costo del biglietto e dicono che frequenterebbero di più le sale con un prezzo più basso. Ma in sostanza, la fruizione di cinema gode di “ottima salute”, anche se nel tempo sono cambiati i modelli di consumo, la scelta dei momenti di visione, e la distribuzione tra questo intrattenimento e altre forme di consumo di cultura. La fotografia scattata dall’ultimo Rapporto Cinema 2018 alla nona edizione, a cura della Fondazione Ente dello Spettacolo, in collaborazione con l’Istituto Luce e il sostegno del Mibact, presentato presso la sede di Radio Vaticana a Roma, presente anche Francesco Rutelli presidente dell’Anica.

Il campione di 2mila persone (per la precisione 2.045) di età compresa tra i 20 e i 34 anni oggetto rilevazione a fine luglio 2017 costituisce uno degli approfondimenti che il Rapporto Giovani dell’Istituto Toniolo conduce periodicamente nella sua attività di monitoraggio continuo della realtà delle nuove generazioni. La fascia d’età considerata nella ricerca corrisponde a chi oggi è nella fase di età giovane (under 25) e giovane adulta (25-34 anni), ma comprende in modo omogeneo una specifica generazione, quella dei millennials, che preferisce le multiplex.

In Italia i dati del box office nel 2016 sono positivi: i biglietti venduti nel 2016 sono stati oltre 105 milioni, con un incremento del 6% rispetto al 2015. Crescono anche gli incassi: 661,8 milioni di euro, con un aumento del 3,9% .

Altalenante l’andamento della produzione: nel 2014 aveva raggiunto il picco dei 201 film prodotti, è sceso a 185 nel 2015, per risalire a 199 nel 2016. Nel 2015 il numero di coproduzioni maggioritarie è cresciuto da 14 a 22. La riduzione delle produzioni non ha però comportato un calo nell’investimento complessivo in cinema, che al contrario è salito a 340 milioni di euro contro i 320 milioni dell’anno prima. Questo risultato indica un leggero aumento del budget medio a disposizione di ciascun film, passato infatti da 1,9 a 2 milioni di euro. Si tratta però di una somma ancora limitata se si pensa che in Francia le risorse mediamente disponibili sono ammontate nel 2015 a 4,4 milioni di euro.

Una scossa al settore potrebbe arrivare dalla legge sul cinema approvata lo scorso novembre, che porta a 400 milioni le risorse a disposizione del nuovo Fondo per lo sviluppo degli investimenti nel cinema e l’audiovisivo. La settima arte, sta bene ma dal 2000 al 2014 si sono perse in Italia ben 888 sale, per un totale di 1.083 schermi. In generale si può dire che le donne preferiscono andare al cinema nel week end: 43,2% gli uomini si attestano solo al 39,8%, sia il 60,9% di donne che il 56,5& di uomini dichiara che ci sono periodi dell’anno in cui vanno di più al cinema, si va meno al cinema durante le feste, durante le vacanze. Interessante il dato che il 29,7% degli uomini e il 34,9% delle donne preferiscono scaricare illegalmente il film da Internet, mentre il 46,8% degli uomini e il 58,6% delle donne dichiara che è un passatempo da adulti e da anziani.

Il volume si sofferma sul numero degli spettatori, gli strumenti e gli scenari futuri, ed è a cura di Angelo D’Arrigo, Mariagrazia Fanchi, Alessandro Rosina e Bruno Zambardino che guarda a una certa vivacità, promossa anche dalla nascita di importanti player attivi nel segmento on demand. Accanto a grandi player internazionali come Netflix e Amazon Video, sono presenti i servizi Infinity di Mediaset e Sky Online. A tale sfida il comparto sta rispondendo – osserva – con una forte convergenza tra i settori di telco e media: TIMvision, che ha in essere un accordo con Rai Cinema, e Vodafone TV, che offre i canali intrattenimento di Sky . Il comparto presenta quindi uno scenario ricco con ampie opportunità di sviluppo ulteriore e potenziali ricadute positive sull’intero “sistema Paese”: dalle possibilità di esportazione di format originali, alla valorizzazione dei diritti legati alle produzioni, alle modalità di relazione con i broadcaster, i vantaggi di derivare da politiche volte a incentivare la creatività e la competizione.

Festival di Cannes 2018: l’Italia vince con Marcello Fonte e Alice Rohrwacher

Il verdetto decretato da Cate Blanchett e i membri della giuria del lei presieduta hanno premiato entrambi i film italiani concorrenti: Miglior attore Marcello Fonte per Dogman di Matteo Garrone, miglior sceneggiatura ad Alice Rohrwacher per Lazzaro felice.  E’ stato proprio Roberto Benigni, presente a Cannes ad accompagnare Nicoletta Braschi per il film di Rohrwacher a consegnare il premio come miglior attore a Marcello Fonte: un momento di grandi emozioni ed entusiasmi, trascinato dal Roberto nazionale e raccolto da “Marcellino”, classe 1978, e tanto auspicabile futuro davanti. Ricevendo il premio, Marcello ha commosso tutti con questo ricordo: “Da piccolo quando ero a casa mia e pioveva sopra le lamiere, chiudevo gli occhi e mi sembrava di sentire gli applausi e ora li riapro e li applausi siete voi e sembra il calore di una famiglia, mi sento a casa e a mio agio con voi. La mia famiglia siete voi, ogni granello della sabbia di Cannes. E ringrazio Matteo che ha avuto il coraggio e la follia di volermi con sé”. Da parte sua Alice Rohrwacher ha ringraziato “questa incredibile giuria e questa incredibile presidentessa per aver preso sul serio questa sceneggiatura così bislacca, fatta delle parole che ho scritto, l’avete presa sul serio come i bambini prendono sul serio i giochi”. Il suo riconoscimento è andato ex aequo con la sceneggiatura dell’assente Jafar Panahi per il suo 3 Faces: a ritirarlo infatti era la figlia visibilmente commossa.

Ma la Palma d’oro è andata ben lontano, fino in Giappone. A vincerla il bellissimo Un affare di famiglia di Hirokazu Kore-eda, il racconto di una famiglia disfunzionale di Tokyo che vive rubando e sotto nasconde un segreto disarmante, indice che non tutti i legami più forti sono di sangue. Attraverso questo ritratto il cineasta ha messo in evidenza quanto anche il Giappone stia soffrendo di una povertà che fino a qualche anno fa sembrava imprevedibile. Grandi emozioni per il Gran Prix du Jury attribuito a Spike Lee per il suo  Blackkklansman. La libanese Nadine Labaki è salita sul palco accompagnata dal piccolo non attore protagonista Zain Al Rafeea per ricere il Prix du Jury per il suo Capharnaum.

Pawel Pawlikowski ha ricevuto meritatamente il premio per la miglior regia: il suo Cold War era uno dei migliori titoli concorrenti. Lo stesso vale per la Russia di Putin ove è ambientato Ayka del kazako Sergey DVORTSEVOY, per il suo film ha vinto come migliore attrice la kirghisa Smala Yeslyamova. Una Palma d’oro speciale, infine, è stata creata per omaggiare il maestro Jean-Luc Godard che concorreva col suo Le livre du image: “Jean-Luc non ha mai smesso di sfidare il linguaggio del cinema e per questo non gli saremo mai abbastanza grati” ha dichiarato Cate Blanchett.