Film commissions

La dichiarazione del sottosegretario Mibac con delega al cinema Lucia Borgonzoni

Intervenuta a Roma durante la presentazione della campagna Moviement per supportare il cinema tutto l’anno, il sottosegretario Mibac con delega al cinema, Lucia Borgonzoni, ha fatto una importante puntualizzazione in merito benefici fiscali previsti per i distributori che promuoveranno film italiani in uscita in estate: «I film italiani in uscita nel periodo estivo e tardo primaverile con più di 200 schermi e con un investimento di P&A superiore a 500mila euro – ha specificato Lucia Borgonzoni – avranno a disposizione un recupero pari al 70% dei costi sostenuti (cifra composta per un 30% dal tax credit, già previsto dalla legge cinema, e per il restante 40% dal contributo del decreto selettivo operativo dal 14 marzo). Quindi il rischio di impresa sarà pari al 30% dell’investimento. Per i film in uscita in meno di 200 schermi e con una P&A inferiore ai 500mila euro ci sarà un contributo totale di 40% (ovvero 30% più 10%)».
(cit. eduesse)

SEMINARIO LOCATION CULTURALI E AUDIOVISIVO

SEMINARIO LOCATION CULTURALI E AUDIOVISIVO. C’È NECESSITÀ DI FARE SISTEMA: FONDAMENTALE IL RUOLO DI ITALY FOR MOVIES!

Da qualche anno si assiste ad un cambiamento di approccio nell’industria televisiva. C’è la precisa volontà da parte di tutti gli attori in gioco nel mercato audiovisivo e delle istituzioni di fare sistema e Italy for Movies è un mezzo per raggiungere questo scopo. È quanto sostenuto da Roberto Cicutto, presidente di Istituto Luce-Cinecittà nel suo intervento di apertura del seminario “Location culturali e audiovisivo: strumenti di valorizzazione, partnership Stato-territori e buone pratiche” evento inserito nel calendario ufficiale della Settimana dell’Amministrazione Aperta organizzata dal Dipartimento della Funzione Pubblica. Nell’ambito di Open Gov si è potuto fare in modo che le diverse identità che compongono il MiBAC potessero parlarsi per sviluppare sinergie, ha aggiunto Alessandro Benzia (DG Organizzazione). Stefania Ippoliti presidente di Italian Film Commissions ha ribadito come le Film Commission siano abituate a lavorare insieme, in positiva competizione, motivo per cui si sono costituite in associazione ed hanno partecipato alla nascita di Italy for Movies. Il riconoscimento del loro ruolo da parte della Legge Cinema e l’Istituzione del Tavolo di Coordinamento presso la DG Cinema sono state un grosso passo in avanti nel senso della trasparenza e di un’immagine più univoca e chiara dell’Italia. Simonetta Buttò, Direttore dell’ICCU (Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle Biblioteche) ha raccontato del grande entusiasmo della DG Biblioteche e Istituti Culturali nell’aderire al progetto Italy for Movies e di come il catalogo ISBN gestito dall’ICCU sia esempio positivo di questo sistema, poiché è molto di più di un database bibliografico, accoglie immagini di luoghi, ritratti di persone, autografi, carteggi, documenti, mostre virtuali, digitali, oggetti d’arte, cimeli e tante risorse sonore e audiovisive. Antonio Tarasco, (DG Musei) ha messo in luce il problema della disciplina economica degli spazi museali e archeologici. Attualmente ciascun museo si autoregolamenta nel modo che ritiene più opportuno: in alcuni casi le condizioni richieste tendono ad allontanare gli operatori cinematografici, in altri il danneggiato è l’amministrazione perché viene sottostimata. Per questa ragione è in preparazione una bozza di tariffario sulla concessione d’uso dei beni con condizioni economiche minime derogabili che prevede che una revisione dopo un anno.

Nella tavola rotonda che ha seguito la sessione introduttiva sono stati raccontati i primi esiti del gruppo di lavoro nato in seno al Tavolo di Coordinamento Nazionale delle Film Commission con lo scopo di armonizzare le attività a favore della valorizzazione dei beni culturali e i rapporti tra beni culturali e audiovisivo. Cristina Priarone (Roma Lazio Film Commission) ha parlato della necessità di trasparenza delle regioni rispetto alla fruibilità del bene. Le tariffe devono arrivare ad essere concorrenziali (rispetto all’estero) e sensibili alle differenze tra le produzioni. Ha ribadito il concetto di capillarità sottolineando il percorso di schedatura dell’offerta di beni culturali italiani, attraverso Italy for Movies. Maurizio Gemma (Film Commission Regione Campania) ha sottolineato l’importanza di un momento, quello attuale, nel quale due parti di un sistema unico si stanno parlando e si stanno promettendo una collaborazione, nella consapevolezza che il cinema non si fa nei posti belli ma nei posti giusti, ovvero quelli economicamente vantaggiosi. In ogni caso bisogna spalancare le porte di questa moltitudine di siti, palazzi, aree di interesse monumentale, borghi, luoghi di culto, poiché se non possiamo fare la differenza rispetto ai competitor a livello economico, sicuramente la facciamo a livello di varietà e bellezza dei territori. Paolo Manera (Film Commission Torino Piemonte) ha raccontato l’esperienza del contest “I Savoia”: esempio di come una Film Commission abbia stimolato l’ideazione e produzione di un progetto basato sulla promozione dei beni culturali. Chiara Valenti Omero della Casa del Cinema di Trieste ha raccontato l’esperienza delle passeggiate virtuali sui luoghi del cinema di Esterno/Giorno, e la collaborazione con Friuli-Venezia Giulia Film Commission che negli anni ha fatto un grandissimo lavoro sul territorio. Luigi Formicola ha portato l’esperienza di Manifatture Digitali di Prato e Pisa, esempio di come un prodotto audiovisivo (la fiction I Medici) abbia avuto effetti positivi su tutta la filiera. Ha inoltre raccontato del progetto sperimentale della Regione Toscana di una serie di 14 piccoli episodi che raccontano i luoghi reali, 12 ville e 2 giardini in cui hanno vissuto I Medici.

Il nuovo Direttore Generale Cinema Mario Turetta, ha raccontato la propria precedente esperienza come Direttore del Consorzio delle Residenze Reali Sabaude e Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici nel Piemonte quando era lui ad autorizzare le riprese nei beni culturali regionali. Il Direttore ha sintetizzato le problematiche venute alla luce nel corso della tavola rotonda in tre aspetti fondamentali. Il primo è un problema culturale-organizzativo, poiché non si può negare che la valorizzazione vada di pari passo con la tutela e che il nostro patrimonio culturale sia innegabilmente tra i più importanti al mondo per vastità ed eterogeneità ma anche tra i più fragili; il secondo riguarda i luoghi, che spesso mancano di certificazioni di sicurezza che cozzano con la presenza delle produzioni al loro interno, un fattore culturale, di crescita, di adattamento e organizzativo; il terzo è il tema delle tariffe, che vanno coniugate con le necessità peculiari del sito, dei visitatori e delle produzioni.

Nel corso del seminario Maria Giuseppina Troccoli e Bruno Zambardino (DG Cinema) hanno annunciato l’imminente volontà di tradurre Italy for Movies in cinese grazie al sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico e all’impegno di Roberto Stabile Coordinatore Audiovisual Desk della Italian Trade Agency.

(da Italy for Movies)

Le foto del seminario

MODIFICHE DECRETO CONTRIBUTI SELETTIVI

Si pubblica il decreto 15 gennaio 2019 con il quale sono state apportate modifiche al decreto ministeriale 31 luglio 2017 recante “disposizioni applicative in materia  di contributi selettivi di cui all’art. 26 della legge 220/2016.

modifiche-decreto-contributi-selettivi

Italy for Movies: seminario su location e audiovisivo

Il 12 marzo presso il Teatro dei Dioscuri al Quirinale (Via Piacenza 1,  15.30-18.30), il seminario Location culturali e audiovisivo: strumenti di valorizzazione, partnership Stato-territori e buone pratiche, organizzato da Italy for Movies in collaborazione con Istituto Luce Cinecittà e Direzione Generale Cinema del Mibac. L’incontro, inserito nel calendario ufficiale della terza edizione della Settimana dell’Amministrazione Aperta (11-17 marzo) promossa dal Dipartimento della Funzione Pubblica, è finalizzato ad aprire un confronto tra l’amministrazione pubblica centrale, le Regioni, le Film Commission e gli operatori del settore cinematografico e audiovisivo, per rendere più efficace la collaborazione tra il mondo della produzione audiovisiva e i responsabili dei siti culturali.

Dall’incontro emergeranno spunti di riflessione e proposte per armonizzare le attività a favore della valorizzazione dei beni culturali in chiave audiovisiva e cine-turistica, anche alla luce del lavoro svolto in sede al Tavolo di Coordinamento nazionale delle Film Commission e di alcune buone pratiche.

Scarica qui il programma completo

Per partecipare al seminario è necessario iscriversi all’indirizzo info@italyformovies.it

OKLocandina seminario IFM - immagine

Oscar 2019: vince Green Book, Malek e Colman migliori attori

Migliori non protagonisti Ali e King. Cuaron premiato per la regia di Roma

È Green Book di Peter Farrelly la grande sorpresa degli Oscar 2019. Il film con Viggo Mortensen, infatti, batte il favoritissimo Roma di Alfonso Cuarón come Miglior pellicola dell’anno, portandosi inoltre a casa le statuette come Miglior Sceneggiatura Originale e Miglior Attore Non Protagonista (Mahershala Ali). Dalla sua, Roma trionfa invece in 3 categorie tra cui Miglior Regia, mentre saranno molto soddisfatti anche Bohemian Rhapsody e Black Panther: il biopic su Freddie Mercury conquista in totale 4 premi compreso quello per il Miglior Attore (Rami Malek), mentre il cinecomic Marvel raduna un bottino di 3 statuette.

Tutti i premi:

Miglior film ‘Green Book’ di Peter Farrely

Miglior regia ad Alfonso Cuarón per ‘Roma’

Miglior attore protagonistaRami Malek in ‘Bohemian Rhapsody’

Miglior attrice protagonistaOlivia Colman in ‘La Favorita’

Miglior attrice non protagonista Regina King in ‘Se la strada potesse parlare’

Miglior attore non protagonistaMahershala Ali in ‘Green Book’

Miglior film straniero ‘Roma’ di Alfonso Cuarón

Miglior sceneggiatura non originale a Spike Lee, Charlie Wachtel, David Rabinowitz, Kevin Willmott per ‘BlaKkKlansman’

Miglior sceneggiatura originale a Nick Vallelonga, Brian Currie e Peter Farrelly per il film ‘Green Book’

Miglior cortometraggio d’animazione a ‘Bao’ di Domee Shi e Becky Neiman-Cobb

Miglior cortometraggio a ‘Skin’ di Guy Nattiv e Jaime Ray Newman

Miglior cortometraggio documentario a ‘Period. End of sentence’ di Rayka Zehtabchi e Melissa Berton Miglior documentario a Elizabeth Chai Vesarhelyi e Jimmy Chin per ‘Free Solo’

Miglior trucco e acconciatura a Greg Cannon, Kate Biscoe e Paricia Dahaney-Le May per il film ‘Vice – L’uomo nell’ombra’

Miglior costume: a Ruth E. Carter per il film ‘Black Panther’ Miglior montaggio sonoro: a John Warhurst e Nina Hartstone per il film ‘Bohemian Rhapsody’

Miglior sonoro a Paul Massey, Tim Cavagin e John Casali per il film ‘Bohemian Rhapsody’

Migliori effetti speciali a ‘First Il Primo Uomo’ Miglior colonna sonora a Ludwing Goransson per il film ‘Black Panther’

Miglior canzone a ‘Shallow’ di Lady Gaga, Mark Ronson, Anthony Rossomando e Andrew Wyatt per il film ‘A Star Is Born’

Miglior montaggio a John Ottman per il film ‘Bohemian Rhapsody’ Miglior scenografia a Hannah Beachler e Bay Hard per il film ‘Black Panther’

Miglior fotografia ad Alfonso Cuarón per ‘Roma’

Miglior film d’animazione a ‘Spiderman: un nuovo universo’

 

Oscar 2019_Cuaron

 

Visioni Dal Mondo: al via i concorsi della nuova edizione

La quinta edizione del Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà in calendario a Milano dal 12 al 15 settembre 2019 apre ufficialmente i concorsi della manifestazione

Il Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà, l’atteso appuntamento con il cinema del reale organizzato dalla società di produzione FRANKIESHOWBIZ, giunto alla quinta edizione e in programma a Milano dal 12 al 15 settembre, apre ufficialmente i bandi di concorso della manifestazione: “Storie dal mondo contemporaneo” il concorso dedicato ai giovani autori italiani indipendenti e novità dell’edizione 2019 il contest “A Window onto the Future” per il Panorama Internazionale dedicato a produzioni indipendenti straniere.

Il bando del concorso italiano “Storie dal mondo contemporaneo”, pubblicato sul sito del Festival www.visionidalmondo.it, si rivolge ai giovani cineasti italiani che potranno partecipare al concorso con documentari inediti – lungometraggi, mediometraggi e cortometraggi – ultimati dopo il 1° gennaio 2018. Per le opere che saranno presentate non sono previsti limiti di formato, di durata e di tecniche realizzative. Il termine ultimo per l’invio dei materiali è il 15 giugno 2019. Form di iscrizione e il bando integrale sul sito (www.visionidalmondo.it).

Il bando del concorso “A Window onto the Future” (film su avvenimenti contemporanei, idee, eventi e persone che influenzeranno il nostro futuro) per il Panorama Internazionale si rivolge alle produzioni indipendenti straniere. Potranno partecipare al concorso lungometraggi documentari internazionali di durata minima di 50 minuti completati dopo il 1° gennaio 2018. Il termine ultimo per l’invio dei materiali è il 15 giugno 2019. Form di iscrizione e il bando integrale sul sito (www.visionidalmondo.it).

La selezione delle opere sarà curata dalla Direzione del Festival Internazionale del Documentario Visioni dal Mondo, Immagini dalla Realtà. Le opere selezionate saranno proiettate in anteprima nel corso del 5° Festival, dal 12 al 15 settembre nelle due sedi prescelte per l’edizione 2019: il Teatro Litta, una delle più significative opere dell’architettura lombarda, e il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, il più importante museo della scienza e della tecnologia in Italia e uno dei più importanti in Europa e nel mondo.

 

Bio To B 2019: aperto il bando della VI edizione

La sesta edizione di Bio To B si terrà dal 13 al 15 giugno 2019 a Bologna all’interno della programmazione di Biografilm Festival.

Bio to B – Doc&Biopic Business Meeting è l’appuntamento annuale che Biografilm Festival – International Celebration of Lives dedica al networking business to business tra professionisti dell’audiovisivo. L’obiettivo è di promuovere e supportare le produzioni italiane ed europee di documentari biografici e biopic.   Un’eccellente opportunità per presentare il proprio documentario in fase di produzione o rough cut ad una giuria formata da sales agent, direttori di festival e commissioning editors internazionali, alla gremita platea di accreditati industry e in incontri dedicati one to one.

La sesta edizione di Bio To B si terrà dal 13 al 15 giugno 2019 a Bologna all’interno della programmazione di Biografilm Festival. Al bando di Bio to B 2019 potranno partecipare documentari a vocazione cinematografica (theatrical release) e biopic, di produzione o co-produzione europea, in fase di finalizzazione, ossia in fase di produzione e rough cut. Il formato finale dei film dovrà essere della durata di minimo 50 minuti. Non sono ammessi progetti di corti o mediometraggi.
La scadenza per sottoporre i propri lavori alla selezione per far parte del programma di Bio to B è fissata per lunedì 22 aprile 2019.

Bando e info per le iscrizioni: http://www.biografilmfestival.com/guest/BIOTOB2019_bando.pdf

 

Fondo delle attività di sviluppo di coproduzione tra Italia e Germania 2019

La Commissione Italo – tedesca del Fondo di sviluppo in coproduzione tra Italia e Germania si è riunita il 10 febbraio 2019 a Berlino.

La Commissione ha esaminato 11 progetti: 8 progetti maggioritari italiani e 3 progetti maggioritari tedeschi.

È stato deliberato un contributo a favore di 3 progetti maggioritari italiani e 2 maggioritari tedeschi. La Commissione ha deliberato contributi per un ammontare di € 80.000.

Al link l’elenco:
pubblicazione_delibera_berlino_2019

Berlino 2019. “La paranza dei bambini” vince l’Orso d’Argento per la migliore sceneggiatura

La 69ma Berlinale premia il film italiano “La paranza dei bambini” di Claudio Giovannesi per la sceneggiatura con l’Orso d’argento.
A ritirare il premio il trio di sceneggiatori Saviano-Giovannesi-Braucci, autori della scrittura.
Queste le parole di Roberto Saviamo quando ha ritirato il premio: “Dedico questo premio alle organizzazioni non governative che salvano vite nel Mediterraneo e ai maestri di strada che le salvano a Napoli. Scrivere questo film ha significato mostrare resistenza perché dire la verità nel nostro Paese è diventato molto complesso”.

L’Orso d’oro va al bellissimo Synonymes di Nadav Lapid che è stato il film più apprezzato dalla critica internazionale perchè approfondisce il dramma sulla ricerca contemporanea dell’identità.

Grande soddisfazione anche per il regista toscano Federico Bondi che con il suo film “Dafne” riceve il Premio Fipresci. Una pellicola che vede una interprete eccezionale in Carolina Raspanti.

Questi tutti i premi della Berlinale 69:

 Orso d’oro al miglior film: Synonyms di Nadav Lapid

Orso d’argento Grand Jury Prize: Grace à Dieu di François Ozon

Orso d’argento Alfred Bauer Prize al lungometraggio che apre nuove prospettive: Systemsprenger di Nora Fingscheidt

Orso d’argento al miglior regista: Angela Schanelec per Ich war zu Hause, aber…

Orso d’argento alla miglior attrice: Yong Mei per So Long, My Son

Orso d’argento al miglior attore: Wang Jingchun per So Long, My Son 

Orso d’argento alla migliore sceneggiatura: Roberto Saviano, Maurizio Braucci e Claudio Giovannesi per La paranza dei bambini

Orso d’argento per il miglior contributo artistico: Rasmus Videbaek per la fotografia di Out Stealing Horses

Premio per il miglior documentario: Talking about trees di Suhaib Gasmelbari

Premio miglior opera prima: Oray di Mehmet Akif Büyükatalay

Orso d’oro per il miglior cortometraggio: Umbra di Florian Fischer & Johannes Krel

Orso d’argento per cortometraggio: Blue Boy di Manuel Abramovich

Premio Fipresci: Dafne di Federico Bondi

Audi Short Film Award: Rise di Barbara Wagner e Benjamin De Burca

Marche 1,2 milioni per l’audiovisivo

La Regione Marche ha pubblicato il Bando per la filiera del cinema e dell’audiovisivo a sostegno delle imprese per lo sviluppo e la promozione del suo territorio. Il bando è rivolto a favore di piccole e medie imprese dell’audiovisivo che presenteranno progetti (soggetti, sceneggiature, etc.) per film, documentari, docufilm e format che promuovano in qualche modo il territorio e la Regione. A tal proposito la Regione ha stanziato 1 milione e 200mila euro. Di questi 432mila per l’anno 2019 e 768mila per il 2020. Sono previsti fino a 300mila euro per film e serie tv, fino a 40mila euro per documentari e cortometraggi e fino a 50mila per Format. Il termine per presentare le domande è fissato per il 30 aprile.