Notturno di Gianfranco Rosi designato per gli Oscar

La Commissione di selezione per il film italiano da designare agli Oscar®, istituita dall’ANICA lo scorso luglio su incarico dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences, riunita davanti a un notaio e composta da Nicola Borrelli, Simone Gattoni, Paolo Genovese, Carlo Poggioli, Cristina Priarone, Gloria Satta, Baba Richerme ha votato Notturno di Gianfranco Rosi quale film che rappresenterà l’Italia alla 93ma edizione degli Academy Awards nella selezione per la categoria “International Feature Film Award”.

Notturno concorrerà per la shortlist che includerà i dieci film internazionali selezionati dall’Academy e che sarà resa nota il 9 febbraio 2021. L’annuncio delle nomination (la cinquina dei film nominati per concorrere al premio) è previsto per il 15 marzo 2021 mentre la cerimonia di consegna degli Oscar® si terrà a Los Angeles il 25 aprile 2021.

Entusiasmo per Gianfranco Rosi: “Sono molto felice – dice  all’Adnkronos – e la prima cosa che voglio dire è che lo dedico a Valentina Pedicini, con un lungo abbraccio”. Così Rosi trasforma la sua candidatura in omaggio alla collega regista e sceneggiatrice appena scomparsa, a soli 42 anni. Un omaggio in nome del documentario, passione di entrambi. “Certo, la speranza c’era, e negli Usa è già iniziato da due mesi il percorso del film attraverso i festival con endorsement venuti da molte riviste di cinema statunitensi. La speranza c’era e il suo concretizzarsi è meraviglioso. La promozione del titolo sarà impegnativa e lunga, ci siamo già passati con Fuocoammare“, prosegue Rosi che sottolinea poi il peso dei doc in questa tornata di Oscar: “Altri cinque Paesi hanno candidato dei documentari all’Oscar per il miglior film straniero. Ormai il tabù sui documentari è caduto. E’ fondamentale che sia riconosciuto pienamente come cinema”.

Con questo film, realizzato in Medio Oriente, sui confini fra Siria, Iraq, Kurdistan e Libano, nel corso di tre anni, Rosi sente di “rapprentare agli Oscar l’Italia che ha ancora la lucidità di guardare a quel che succede intorno a noi, fuori dai nostri confini: nessuno parla più del Medio Oriente e quando usciremo da questo buio il Medio Oriente sarà cambiato, in peggio”.

Paolo Del Brocco, ad Rai Cinema, dichiara: “Ancora una volta ci ritroviamo accanto in questa sfida, dopo l’entusiasmante corsa verso l’Oscar della sua opera precedente Fuocoammare, a sostenere il cinema di uno degli autori che ci è più caro per la sua particolare visione, per il suo stile e per il suo talento visivo. Gianfranco Rosi è già stato un nominee e ha una rilevante caratura internazionale, ha collezionato premi e riconoscimenti prestigiosi in tutto il mondo. In particolare, Notturno ha partecipato ad oltre 20 tra i più importanti festival internazionali tra cui quello di Venezia, Toronto, New York, Telluride, Londra, Tokio, Busan, San Paolo, Vienna. Ha raccolto innumerevoli consensi della critica e della stampa delle più prestigiose testate internazionali e italiane, perché il suo viaggio senza frontiere nei Paesi in guerra del Medio Oriente, senza soffermarsi sui confini geografici e sulle ragioni di ognuna delle parti in campo, mette sempre al centro la tragedia dei suoi popoli. E’ l’umanesimo di Rosi che rende universale Notturno, che lo libera dai suoi stessi confini e lo fa comprendere ed apprezzare in tutto il mondo”. 

“Come Rai Cinema – prosegue Del Brocco – avevamo tanti film candidati, tutti ottimi e di grande qualità e, senza far torto ad alcuno, mi si consenta di spendere una parola per Pinocchio di Matteo Garrone. La sua fantastica versione del burattino più famoso del mondo, impreziosita dalla magistrale interpretazione di Roberto Benigni, aveva anch’essa le carte in regola per competere negli USA, cosa che farà comunque grazie ad una importante distribuzione negli Stati Uniti e nel mondo”. 

fonte: @cinecittanews